Futuro

GEOFULNESS. POETICA E CONSAPEVOLEZZA
DOMANI 24.4.2019 MOVIMENTE ASP CHIUDE le iscrizioni al primo incontro in cammino di domenica 28.4.2019 per:
Sono molto emozionato per un “inizio” che non credevo potesse darmi tanta lucidità, grazie a quel “bagliore stellare” che, dopo anni di amicizia e reciproca stima professionale, ci ha indicato “come fare”. La mindfulness guidata da Elena Mazzoleni “copula” con la geopoetica – versione DS: anni di pratiche e di scambi di idee e percezioni. Ecco come si arriva alla Geofulness, fortunato nome regalatoci da mio figlio Leonardo. Ora ci siamo: domenica 28 aprile, in Presolana.
Siamo molto consapevoli di questa “prima esperienza” con chi ha scelto di esserci. Perché sappiamo che aldilà di tutto il lavoro fatto, si tratta di un esperimento che solo voi potrete definire “riuscito”. La ricerca sul campo ci ha detto che la miscela è intensa. Ciò che per noi è di fondamentale importanza è sapere di proporre qualcosa che possa lasciare a voi quel “materiale interiore” adatto per la vita di ogni giorno. La pagina dedicata dal mio sito si trova QUI
View project
SCOTT WALKER: “PSST, PSST OGNI COSA E’ VICINA”

Scott Walker era nato il 9 gennaio 1943 ed è morto il 22 marzo 2019. Cercate in rete e troverete scritto “cantautore”. Eppure mai tale definizione risulta angusta. Noel Scott Engel, il suo vero nome, ha percorso un cammino unico: il grande successo con The Walker Brothers, una carriera solista con i primi quattro album che definiscono per sempre “la canzone d’autore” in nuove forme. Poi, la ricerca del silenzio. Al punto da non avere concesso interviste per decenni. Lo racconta molto bene il docufilm prodotto da David Bowie 30th Century Man.

Era il 2006 quando uscì “The Drift”, opera straordinaria, scoperta di territori impensabili lungo la rotta da esploratore indefesso. Ebbi l’onore e la fortuna di intervistarlo, telefonicamente, quell’anno. Con lui avevo molto parlato insieme al grande produttore e anima gentile che ha lavorato con lui dal 1983 alla fine, l’amico Peter Walsh. Insomma, ero in qualche modo vicino a quel firmamento incredibile. E raramente avevo provato un’emozione cosi grande. Ieri, quando ho letto la notizia, mi ha colpito un tweet del produttore Nigel Godrich: “ricordo di averlo incontrato per strada, era in bicicletta in Chiswik High Street e stavo andando dai Radiohead, era il primo giorno di registrazioni per OK Computer. Entrato in studio, Thom teneva in mano una copia dell’album Scott 4”. Vi ripropongo questa intervista, una delle più belle della mia carriera e soprattutto, vi consiglio di fare questo viaggio con Scott perchè, come cantava alla fine di The Drift, “psst, psst ogni cosa è vicina”. QUI l’intervista uscita sul settimanale DIARIO nel 2006.

View project
ALL’EQUINOZIO SBOCCIA LA GEOFULNESS

Ci abbiamo lavorato, abbiamo seguito con interesse e curiosità, per anni, i rispettivi percorsi – io della dottoressa Elena Mazzoleni e di MoviMente, associazione di promozione sociale, lei dei miei libri, dei miei scritti, dei miei incontri, dei cammini geopoetici. Ci siamo detti molte volte che sarebbe stato bello “studiare” qualcosa che unisse le nostre attività per dare origine a qualcosa di nuovo. E mentre terminavo di scrivere Il Geopoeta. Avventure Nelle Terre Della Percezione la dottoressa Mazzoleni proseguiva con la sua intensa e seguitissima attività iniziata tre decenni (core counseling, mindfulness e molto altro). Infine, in un giorno di gennaio, camminando insieme nelle foreste di Presolana, avvolti da quella luce magnifica che l’inverno regala nei pomeriggi profondi, ci siamo chiesti come fare incontrare la mindfulness e la geopoetica: prima di uscire di casa Leonardo Sapienza, anni 9, ha detto: “farete la Geofulness”. Perfetto (e primo brevetto per il giovane geopoetino). E allora che Geofulness sia. Dal 28 aprile 2019, ovviamente, dalle foreste di Presolana. Approfondimento e modulo di adesione QUI.

View project