IL GEOPOETA: OUTTAKES, I

IL PAESAGGIO NON E’ UNA COLPA

Era questo il titolo di un capitolo scritto nel 2017, per Il Geopoeta. Avventure Nelle Terre Della Percezione. Da oggi, a intervalli imprevedibili, rilascerò da questo mio sito alcuni estratti dai (tanti) capitoli che, per varie ragioni artistiche, sono rimasti inediti rispetto alla versione pubblicata da Bolis Edizioni nel marzo 2019. E’ stato un lavoro non paragonabile rispetto a quello di tutti i miei altri libri da I Diari Di Rubha Hunish. Brevi Saggi Sull’Interruzione Del Pensiero In Viaggio (2004, 2011, 2017) a oggi.  Spero vi farà piacere ritrovare alcuni concetti, frasi, idee, poi sviluppate nel libro anche grazie al lavoro di editing con Elena Maffioletti. E magari a incuriosirvi per poi approfondire la mia produzione letteraria.

Davide Sapienza, 29 agosto 2019

OUTTAKE I da IL PAESAGGIO NON E’ UNA COLPA

Se vai veloce l’evoluzione si ferma.
Ti sviluppi se ti muovi a passo lento.
La montagna ti suggerisce di continuo l’evidenza: se la vedi in orizzontale, la attraversi e scopri orizzonti. Se vedi solo in verticale, non sarà la permanenza a ispirarti, ma l’andare e il tornare. Così la montagna finirà per essere semplicemente un passaggio, una conquista, sulla quale proiettare, generalmente, gli stessi identici parametri e paradigmi della vita quotidiana “civilizzata” con gli stessi identici valori sociali predominanti: competitività, velocità, quantità invece della qualità. Ma allora ecco che nel corso degli anni si è lentamente – l-e-n-t-a-m-e-n-t-e – palesato da questo deserto di valori un nuovo popolo senza gerarchie e senza dogmi, il popolo di chi cammina e di chi esplora, il popolo di chi sa concentrarsi su ogni momento del suo andare, sia esso in montagna o tra le vie della città, pur sempre popolo in viaggio, nomade per definizione come scrisse già nel 1970 Bruce Chatwin nel suo saggio Questo nomade nomade mondo : «Siamo viaggiatori dalla nascita. La nostra mania ossessiva del progresso tecnologico è una reazione al nostro progresso geografico».

 

(c) Davide Sapienza 2015-2019, ogni riproduzione è vietata senza il consenso dell’autore