SCRITTURE IN CAMMINO. MESSAGGI DAL DOS DEL CURU’ IN ADAMELLO

Un testo inciso su un masso ritrovato a 2300 metri di quota, nel Parco Adamello. Gli studi approfonditi e la realizzazione che quel “testo” è “in senso assoluto il più importante nella documentazione camuna”. Ottime ragioni per mettersi in cammino verso il Dos del Curù da Cevo o da Saviore dell’Adamello (anche in inverno con sci da escursionismo o ciaspole), per poi ricordare che quella lapide di pietra e un altro masso – ritrovato nei pressi di Cevo – sono al Museo Nazionale della Preistoria della Valle Camonica a Capo di Ponte. Reperti archeologici di rilevanza internazionale che narrano la storia delle popolazioni che, dall’età del Ferro, siamo abituati a chiamare Camuni. Secondo il professor Morandi, il testo antico, che vediamo nell’immagine del reportage in edicola sul numero invernale di Atlante Bresciano (AB), “siamo in presenza di un qualcosa di definito logicamente e grammaticalmente.”  Puoi leggere un estratto QUI e ordinare il magazine QUI (disponibile in tutte le edicole di Brescia e provincia).

 

 

 

 

 

AB145