IL SENSO DELLA DIVERSITA’. LE SEIMILA LEZIONI DI BARRY LOPEZ

Il caro amico Robert Weis, mi ha ricordato un breve e folgorante testo di Barry, uscito su Kyoto Journal, intitolato Six Thousand Lessons; Lopez aveva un rapporto speciale con il Giappone e proprio in Sogni Artici, nel 1986, ne aveva scritto con parole che ancora adesso restano sublimi. Questo breve testo, racconta uno dei grandi valori del viaggio umano: l’incontro con la diversità. Potete leggerlo QUI in originale, in attesa di potere, un giorno tradurlo completamente per una possibile antologia che segua Una Geografia Profonda. Visitate www.barrylopez.com. E intanto, ecco un passaggio chiave:

 

SEIMILA LEZIONI

«Durante gli anni trascorsi a viaggiare, la mia comprensione del significato di diversità è mutata. Partendo dall’intuizione che il mondo, da un luogo all’altro e da una cultura all’altra, vidi che era ben diverso da come ero stato indirizzato a credere. Poi ho iniziato a capire che ignorare queste differenze non solo significa essere insensibili, ma che è ingiusto e pericoloso. Ignorare le differenze non migliora le cose: crea isolamento, dolore, ira, disperazione. Infine arrivai a cogliere qualcosa di profondo. Tra tutte le forme sociali di vita, i modelli di organizzazione sociale a lungo termine mi apparvero imperniate su un lavoro capace di preservare l’integrità della comunità che nel contempo sa garantire autonomia a ognuno dei propri membri. Compresi come ciò che rendeva meravigliosa e memorabile una società era una specie di combinazione tra autonomia e riguardo che, unite insieme, riuscivano a minimizzare il conflitto. La mia comprensione della diversità, ora, è che non si tratta, come credevo un tempo, di una caratteristica della vita. La diversità è una condizione necessaria per la vita